Search

Vendevano i numeri delle carte credito: la guardia di finanza di Brescia sequestra 21 siti

Cedute illegalmente anche le credenziali per l’accesso ai servizi di home banking. I pagamenti erano effettuati attraverso bitcoin

 

La guardia di finanza di Brescia ha posto sotto sequestro 21 siti che diffondevano in maniera illecita dati utili per compiere frodi informatiche di tipo patrimoniale. Nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dalla Procura di Brescia, ad aprile i finanzieri avevano notificato a 75 Internet Service Provider operanti in Italia, un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del Tribunale di Brescia, di 21 domini web monitorati sulla rete.

Questi siti rendevano disponibile, per l’acquisto, un vastissimo numero di carte di credito clonate, credenziali per l’accesso a servizi di home banking di clienti

di vari istituti bancari, nonché le modalità da seguire per ottenere illecitamente rimesse di denaro mediante circuiti di money transfer.

Il pagamento per ottenere i dati doveva essere fatto attraverso la valuta virtuale BitCoin, “che rappresenta ormai un’evoluzione delle tecniche criminali sulle reti elettroniche, in quanto con la stessa è possibile effettuare acquisti in maniera del tutto anonima” spiega in una nota la guardia di finanza.

Fonte Repubblica 

Brescia, 9 agosto 2017

Leave a comment
*
**

*

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

* Required , ** will not be published.