Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell”ordine!

La rilevazione delle infrazioni da parte del Corpo di Polizia Penitenziaria è una realtà operativa da diversi anni.

Da essa ne deriva non solo la sicurezza delle strutture penitenziarie, delle traduzioni dei detenuti e delle persone ed autorità sottoposte a tutela – specie in un frangente in cui la minaccia terroristica di matrice islamica sembra essersi spostata verso attacchi condotti utilizzando automezzi – ma anche una maggiore sicurezza per il territorio ed i cittadini. La Polizia Penitenziaria oltre ad avere tutte le funzioni di polizia giudiziaria sul territorio al pari di polizia e carabinieri, può vantare in materia di polizia stradale una prerogativa esclusiva. Ed infatti oltre a poter fermare gli automobilisti per la contestazione immediata, può effettuare, grazie alla presenza del detenuto a bordo, verbalizzazioni a distanza senza il vincolo della necessità della contestazione immediata. Prerogativa che rende ancora più temibile l’accertamento di polizia stradale della Polizia Penitenziaria, rispetto alle altre forze di polizia, a garanzia della legalità e della sicurezza del territorio.

Scritto da: Daniela S.

Roma, 20 aprile 2017

LASCIA UN COMMENTO