Privacy: Ue, rischio ritardo Italia su nuove regole

La commissaria Ue alla giustizia Vera Jourova

In vigore a maggio. Anche con elezioni, amministrazione lavori

L’Italia rischia di essere in ritardo per l’applicazione delle nuove regole Ue sulla privacy che partono il 25 maggio. E, anche se ci sono le elezioni in vista, l’amministrazione deve lavorare per essere pronta in tempo. E’ l’allarme lanciato dalla commissaria Ue alla giustizia Vera Jourova a 100 giorni dall’avvio del ‘General Data Protection Regulation’.

“Vediamo che ci potrebbero essere ritardi”, ha affermato la commissaria, “ci sono sempre elezioni in qualche paese” ma “l’amministrazione deve fare il suo dovere ovunque”.

er questo, ha aggiunto la commissaria, “siamo in contatto con le autorità italiane” per far sì che il 25 maggio anche l’Italia sia pronta.

Bruxelles, 26 gennaio 2017

LASCIA UN COMMENTO