Search

Polizia Penitenziaria arresta il camorrista Mario Bocchetti fratello del boss Gaetano attualmente al 41-bis

Nel pomeriggio di ieri personale della Polizia Penitenziaria del Nucleo Operativo di Napoli Secondigliano ha arrestato su disposizione della Procura Generale della Repubblica di Napoli, il 55enne Mario Bocchetti per il reato di associazione camorristica in quanto condannato ad una pena di anni 12 e mesi 8 di reclusione, il quale dopo le formalità di rito è stato associato al Centro Penitenziario di Secondigliano. Mario Bocchetti è il fratello di Gaetano, attualmente in regime di carcere duro, operante nella zona di Secondigliano, con ruolo di spicco nell’omonimo clan Sacco-Bocchetti.

Mario Bocchetti è ritenuto tra i mandanti dell’omicidio di Carmine Grimaldi, soprannominato «bombolone», ucciso nel luglio del 2007 nella zona di San Pietro a Patierno, nella periferia nordorientale della città. Grimaldi – uomo di fiducia del boss Vincenzo Licciardi, capo dell’omonimo clan di Secondigliano – venne assassinato nell’ambito della scissione del gruppo dei Sacco-Bocchetti dal clan Licciardi.

Altri mandanti dell’omicidio di Grimaldi sono stati Antonio Zaccaro, nel frattempo diventato collaboratore di giustizia, e Gennaro Sacco, nel frattempo deceduto. Bocchetti si occupò anche di organizzare l’agguato mortale mentre esecutore materiale dell’omicidio fu Costanzo Apice, già condannato all’ergastolo per l’omicidio di Mariano Bacio Terracino.

A Bocchetti i pm antimafia contestano anche l’associazione mafiosa e il ruolo di vertice nel gruppo scissionista dei Licciardi condiviso con il fratello, Gaetano, detenuto in regime di carcere duro.

cronachedellacampania.it

Napoli, 15 luglio 2017

Leave a comment
*
**

*

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

* Required , ** will not be published.