Blog Pagina 2

Quella tribuna elettorale di Davigo & co. finita tra gli sbadigli

AL “GRANDE EVENTO” MILANESE DELLA CAMPAGNA PER IL NUOVO CONSIGLIO SUPERIORE, IL LEADER DI “AUTONOMIA & INDIPENDENZA” E GLI ALTRI CANDIDATI HANNO LASCIATO INDIFFERENTE LA PLATEA. Sarà stata la novità, sarà perché i magistrati sono a loro agio quando si tratta di fare domande piuttosto che dare delle risposte, sarà per il clima di disaffezione generale verso le Istituzioni che...

STATO-MAFIA: DOMENICA 20 MAGGIO, ASSEMBLEA DEL PARTITO RADICALE SUL “CASO MORI”. PRIMA USCITA PUBBLICA DEL GENERALE MARIO MORI DOPO LA SENTENZA DI PALERMO

Nella sua prima uscita pubblica dopo la sentenza della Corte d’Assise di Palermo sulla cosiddetta “trattativa Stato-mafia”, il Generale Mario Mori prenderà la parola all’Assemblea del Partito Radicale dal titolo “Per la Giustizia Giusta – Il Caso Mori”, che si terrà a Roma, domenica 20 maggio, a partire dalle ore 10, nella sede storica di Via di Torre Argentina...

“Una talpa alla Procura antimafia”. Un magistrato informava Montante

Le intercettazioni portano gli investigatori fino a Roma. C'era una talpa alla Direzione nazionale antimafia. Una talpa ancora da individuare che faceva parte del sistema di spionaggio messo in piedi da Antonello Montante. Ne sono convinti poliziotti e magistrati di Caltanissetta che indagano sulla rete di protezione dell'uomo di Confindustria. Sono le intercettazioni a guidare gli investigatori fino in via Giulia a Roma,...

E la lettera del “ Corvo 2” spuntò tra le stragi di Capaci e via D’Amelio

LA MISSIVA ANONIMA RIUSCÌ A DISTOGLIERE LE INDAGINI. L’anno 1992, come il 1989, è stato l’ennesimo spartiacque nel mondo intero. Negli Stati Uniti inizia l’era – poi finita tra pepate polemiche – del democratico Bill Clinton. È uno spartiacque in Europa, dove entra tragicamente nel vivo il conflitto che dilanierà la Penisola Balcanica e che si concluderà nel 1995. Perfino...

MAFIA- APPALTI ERA IL 1989 LE LETTERE DEL “CORVO” SPARGEVANO VELENO AL PALAZZO DI GIUSTIZIA DI PALERMO

LA PRIMA LETTERA ANONIMA CONTRO LE ISTITUZIONI SPUNTÒ NEL 1989. Quando il “Corvo” cominciò a volare su chi combatteva Cosa nostra. Fin qui abbiamo raccontato come l’indagine dei Ros su mafia- appalti è stata seguita fin dall’inizio da Falcone e poi portata avanti da Borsellino. Per completare il quadro, però non si può tener conto delle lettere anonime definite giornalisticamente del “Corvo”. Come...

Il governo fantasma

L’accordo non c’è. Di Maio e Salvini prendono tempo e ora giocano con i gazebo. Quella trappola possibile. Le intendenze in una stanza a discutere del programma di governo, loro due, i capi, invece nell’altra, ancora, a misurarsi con lo sguardo, con una consapevolezza crescente sotto le occhiaie gonfie di stanchezza. “L’è minga facile”, sintetizza Roberto Calderoli, mentre Matteo Salvini e Luigi Di Maio vanno...

Venturi: «Lumia mi chiese 20 mila euro in nero per la campagna di Crocetta»

La conversazione con Cicero contenuta nelle oltre 2500 pagine dell'ordinanza che ha portato Montante ai domiciliari.   Nelle intercettazioni dell’inchiesta che ha portato all’ordine di custodia cautelare per Antonello Montante vi è un dialogo tra l’ex capo dell’Irsap Alfonso Cicero e l’ex assessore Marco Venturi, negli uffici della Sidercem, in cui si parla di un finanziamento per la campagna elettorale di...

Due o tre cose su Andreotti spiegate al Fatto Quotidiano, Pif e Caselli

Sugli incontri con Bontate e sulle condanne dell'ex leader Dc il giornale di Travaglio, il pm e il regista della fiction “La mafia uccide solo d'estate” fanno prevalere la verità “storica” su quella processuale. Nel 2000 il Fatto Quotidiano era di là dal nascere, Pierfrancesco Dilibertostudiava da autore Mediaset e la lunga e virulenta battaglia dell’antimafia delle gazzette era guidata da Repubblica....

Mattarella: ‘Einaudi sul premier usò in pieno prerogative’

Dopo elezioni 1953 non si avvalse delle indicazioni della Dc.   "Cercando sempre leale sintonia con il governo e il Parlamento, Luigi Einaudi si servì in pieno delle prerogative attribuite al suo ufficio ogni volta che lo ritenne necessario". E' un passaggio dell'intervento del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Dogliani. "Fu il caso illuminante del potere di nomina del Presidente del...

BERLUSCONI: MINISCI (ANM), LEGGEREMO SENTENZA CON ATTENZIONE

'Ma nessun commento perche' Anm non entra nel merito dei provvedimenti giudiziari'. "Da tecnici leggeremo con attenzione il provvedimento del Tribunale di Sorveglianza di Milano, ma non chiedeteci di commentarlo perché l'Anm non entra mai nel merito dei provvedimenti giudiziari, non è nel nostro stile e non spetta a noi farlo". Raggiunto telefonicamente dall'AdnKronos, Francesco Minisci, presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, commenta...

Berlusconi riabilitato: potrà di nuovo correre alle elezioni

Cancellati gli effetti della legge Severino per il leader di Forza Italia. Il provvedimento è già esecutivo.   Silvio Berlusconi può di nuovo candidarsi alle elezioni. Se in questo momento si dovesse andare alle urne, il Cavaliere avrebbe il diritto di presentarsi alla Camera dei deputati o al Senato della Repubblica e tornare così a tutto tondo in campo politico perché...

Non servono i tribunali. Basta Sabina Guzzanti…

Processo trattativa in tv? C’è un modo semplice per sveltire la giustizia. Eliminare i tribunali e affidare le sentenze a Sabina Guzzanti. I processi, senza bisogno di tante formalità, si possono svolgere davanti alla macchina da presa, poi l’ultima decisione spetta a lei. Si, certo, sto scherzando. Però prendo spunto da una vicenda reale. Il consigliere di amministrazione della Rai –...

Quell’uomo in cella da un anno non è “ il generale”, lo conferma anche il Dna

Quell’uomo in cella da un anno non è “ il generale”, lo conferma anche il Dna. IL GIOVANE ERITREO È PROCESSATO A PALERMO PERCHÉ RITENUTO ESSERE MEDHANIE YEHDEGO MERED. I SUOI DIFENSORI HANNO RITROVATO, IN SVEZIA, IL FIGLIO DEL VERO TRAFFICANTE DI PERSONE E DALL’ESAME RISULTA NON COMPATIBILE CON LUI. ANCHE PER “THE GUARDIAN” E “WALL STREET JOURNAL” SI TRATTA DI...

La democrazia oligarchica e ratificante di Davide Casaleggio

Per il M5s la partecipazione dal basso non è altro che la convalida di una decisione presa dall’alto (e senza streaming). Così la “democrazia diretta” mostra la sua natura di “democrazia plebiscitaria”. “Ratifica”. Spesso basta una parola, sfuggita in un attimo di distrazione, quella che per anni hai evitato accuratamente di pronunciare, sostituendola con formule come “partecipazione attiva” e “intelligenza...