Macron ci ripensa: la moglie Brigitte non avrà lo status ufficiale di première dame

Il presidente francese Emmanuel Macron, 39 anni, con la moglie Brigitte, 64

È il tormentone estivo della Francia: dopo l’alzata di scudi veicolata attraverso un petizione da oltre 250.000 firme, Emmanuel Macron ha deciso: la moglie Brigitte non potrà avvalersi di uno “status ufficiale” da Première Dame come da lui ipotizzato in un primo tempo.

 

A riferirlo, dopo un fine settimana di polemiche, sono fonti dell’Eliseo citate da Bfmtv, secondo le quali al posto dell’incarico ufficiale verrà annunciata nei prossimi giorni una sorta di ’Carta della trasparenza’ per chiarire il ruolo di Prima Donna di Francia e “fermare l’ipocrisia”. Nel documento verrà iscritto nero su bianco anche il nome e il numero di collaboratori della Première Dame, contrariamente a quanto accadeva ai tempi di Bernardette Chirac, Carla Bruni-Sarkozy o Valerie Trierweiler .

 

Online da due settimane, la petizione contro lo “status” di Première Dame ha superato questa mattina le 270mila firme. Per una tale iniziativa, sarebbe stato necessario riunire il Parlamento in congresso a Versailles, come imposto per ogni modifica costituzionale, ma alla fine Macron, già in calo nei sondaggi ad appena tre mesi dalla vittoria all’Eliseo contro la sfidante Marine Le Pen (Front National), ha preferito tornare sui suoi passi. Brigitte Macron dispone attualmente di un direttore e di un capo di gabinetto, Pierre-Olivier Costa et Tristan Bromet, come anche di un’assistente e di bodyguard in servizio 24 ore su 24. Ogni giorno «riceve oltre 200 lettere» e «mantiene questo legame con i connazionali nella più grande riservatezza», dice il portavoce del governo, Christophe Castaner, alla vigilia dell’ultimo consiglio dei ministri a Parigi prima della pausa estiva.

Nel documento, dovrebbero essere menzionate anche informazioni più precise sull’impegno della First Lady in campo sociale, come l’integrazione dei disabili e su quanto pesa il suo incarico sul portafogli del contribuente. Dal 7 maggio scorso, giorno dell’arrivo di Macron all’Eliseo, la moglie ha effettuato circa una missione a settimana, sempre rigorosamente senza telecamere al seguito. Di recente, è andata all’ospedale Gustave-Roussy di Villejuif per incontrare i bambini malati ed ha presenziato a diversi incontri diplomatici, tra cui la visita a Parigi di Donald e Melania Trump. Ad agosto la coppia presidenziale si concederà solo qualche giorno di pausa in vista di quello che – tra riforma del Lavoro e tagli alla spesa in più o meno tutti i settori – si preannuncia come l’autunno caldo della Francia. Mentre su Twitter spunta l’inconsueto cinguettio di Marine Le Pen in occasione della Giornata Internazionale del gatto. «Buone vacanze a tutti i gatti…e ai loro padroni», scrive l’ex candidata dell’estrema destra all’Eliseo, con tanto di foto e smiley firmato “Mlp”.

 

 

di PAOLO LEVI

Fonte La Stampa

Parigi, 9 agosto 2017

LASCIA UN COMMENTO