L’estate del detenuto

Una delle più belle trovate degli Stati Generali è stata quella di installare dei nebulizzatori d’acqua nei cortili passeggi in modo che i detenuti, nella giornate calde, si potessero rinfrescare provando un senso di sollievo nelle giornate afose estive.

Qualcuno lo chiama un gesto di civiltà, di progresso; altri dicono semplicemente che è una stronzata. Mettetevi d’accordo. Quante carceri hanno installato i nebulizzatori? Avete mandato i soldi o avete lasciato il compito, come al solito, alla fantasia e alla buona volontà di comandanti e direttori?

E poi ancora, una circolare che chiede quali provvedimenti abbiano preso i direttori al fine di rendere meno afflittiva la detenzione nella stagione e uno estiva. Avete fatto i passeggi pomeridiani o addirittura serali? I detenuti devono andare ai passeggi nelle ore meno calde….datevi da fare comandanti e direttori.

Lasciate i blindati aperti, create delle correnti d’aria. In estate in carcere fa davvero caldo. I detenuti soffrono tantissimo, (forse più delle vittime dei loro reati?); per provare un po’ di sollievo durante le calde giornate estive alcuni non trovano di meglio che dormire sotto la branda, a contatto con il freddo pavimento, altri direttamente sul pavimento dopo averlo bagnato.

In realtà nulla di quello che è stato proposto è fattibile e uno dei motivi principali è che non abbiamo più agenti per garantire l’aria estiva; e se anche lo facessimo ricorrendo al lavoro straordinario ci ritroveremmo a lottare per farcelo pagare in quanto non ci sono fondi sufficienti.

Con queste teste pensanti al DAP e con questa politica ipergarantista nei confronti dei detenuti e dei loro diritti si sono persi di vista i diritti di chi lavora nelle carceri, ci si dimentica troppo presto delle vittime dei reati, si va alla ricerca di capri espiatori nei casi di evasione o di fatti eclatanti.

Lasciateli soffrire un poco i detenuti, lasciateli sudare facendoli rinfrescare con ventagli occasionali, sono certo che non farà loro male un po’ di sana sofferenza climatica.

Scritto da: Miguel Cervantes

Roma, 9 agosto 2017

LASCIA UN COMMENTO