La strage di Las Vegas e le bufale dell’Isis

Lo Stato islamico rivendica l’attentato (almeno 59 morti), ma senza prove. Da un po’ di tempo ha il vizio delle fake news

Ieri pomeriggio l’agenzia Amaq dello Stato islamico ha rivendicato l’attacco di Las Vegas. Pochi minuti dopo, una seconda agenzia specificava, come a voler convincere gli scettici, che lo stragista si era convertito all’islam pochi mesi prima. Stephen Paddock, sessantaquattrenne pensionato che si faceva fotografare con alcolici e ragazze asiatiche e metteva le immagini su Facebook sembra un candidato poco probabile a una “operazione da martire” con il nome di Abu Abdul Barr al Amriki. A questo punto, soltanto una…

 

di Daniele Raineri

Fonte Il Foglio

Roma, 3 ottobre 2017

LASCIA UN COMMENTO