Frase choc del giudice di Trento al legale di Palermo, Cassazione apre procedimento disciplinare

L'Avvocato Stefano Giordano

La Procura generale della Corte di Cassazione ha aperto un procedimento disciplinare a carico del giudice trenino Carlo Ancona che, lo scorso mese, durante un’udienza, aveva duramente apostrofato un avvocato di Palermo, Stefano Giordano, con la frase: “Avvocato, lei taccia, […]

 

La Procura generale della Corte di Cassazione ha aperto un procedimento disciplinare a carico del giudice trenino Carlo Ancona che, lo scorso mese, durante un’udienza, aveva duramente apostrofato un avvocato di Palermo, Stefano Giordano, con la frase: “Avvocato, lei taccia, perché qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo”. Per questo motivo, la Corte di Cassazione ha convocato per il prossimo 20 novembre lo stesso legale palermitano, che sarà sentito dal sostituto procuratore generale Mario Pinelli “quale persona informata dei fatti nell’ambito del procedimento in oggetto indicato”.

Ma cosa accadde a Trento? Come aveva denunciato l’avvocato Giordano all’Adnkronos, “preoccupato per l’accaduto”, il Presidente del Tribunale del Riesame di Trento, Carlo Ancona, nel corso di una udienza aveva pronunciato quella frase dopo un intervento del legale palermitano. “E’ un fatto gravissimo oltre che una frase razzista – aveva detto a caldo Giordano, figlio del Presidente del Maxiprocesso di Palermo Alfonso Giordano – Ieri mi trovavo al Tribunale di Trento per una udienza di rinvio al Tribunale del Riesame, quando è avvenuto un fatto increscioso”.

“Il presidente del Tribunale del Riesame, il dottor Carlo Ancona – aveva spiegato ancora Stefano Giordano – nel condurre l’udienza con un indagato palermitano e con il sottoscritto come difensore, mi ha impedito di svolgere la mia arringa, profferendo la seguente frase: ‘Avvocato, lei taccia, perché qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo’. A questo punto, ho chiesto, e solo dopo numerosi sforzi, ho ottenuto la verbalizzazione di quanto accaduto”. Sull’episodio era anche intervenuto il Presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo Francesco Greco. Anche il Csm, con alcuni consiglieri, tra cui Piergiorgio Morosini, aveva preso posizione sull’accaduto.

Palermo, 4 novembre 2017

 

LASCIA UN COMMENTO