Dormire sul pavimento e altre 7 cose curiose del più ricco di tutti, Bill Gates

Bill-Gates

Prima di diventare l’uomo più ricco del mondo Bill Gates aveva delle abitudini e delle attitudini molto curiose. Ecco le 8 meno raccontate:

1. Ha dormito sul pavimento (per imparare)
Tutti conoscono la storia di Bill Gates che ha lasciato Harvard per creare insieme al fido Paul Allen, l’azienda di software che poi sarebbe diventata Microsoft. Ma ben pochi sanno che Gates durante il college seguiva corsi in cui neanche era iscritto solo per conoscere cose nuove. Ha raccontato che a volte per essere sicuro di avere un posto tra le prime file si svegliava prestissimo e, ore prima dell’inizio della lezioni, dormiva sul pavimento, proprio come un ragazzo oggi farebbe per seguire un concerto. Un’abitudine che lo accomuna a Steve Jobs che per lo stesso motivo ha dormito sui pavimenti del Reed College.

2. Leggeva anche mentre cenava
È un particolare che hanno raccontato i genitori di Gates che erano costretti a sgridare il figlio, onnivoro di libri, mentre era a tavola, per farlo smettere di leggere e concentrarsi sulla cena. Pare che quest’abitudine dimori ancora in Bill, enciclopedie, romanzi di fantascienza, manuali di programmazione o di storia, tutto fa brodo per la sete di conoscenza del papà di Microsoft che è anche un avido collezionista. Tra le opere in suo possesso un manoscritto di Leonardo da Vinci del 15esimo secolo che ha comprato nel 1994 a un’asta per 30 milioni di dollari.

3. Ha trovato la sua anima gemella
«A 13 anni, Bill mi ha chiesto: “Come sarebbe guidare una delle 500 aziende di Fortune?”. Gli ho risposto che non ne avevo alcuna idea. E lui mi ha risposto: “Forse un giorno avremo la nostra» ha raccontato Paul Allen in un’intervista al DailyMail. Anche se la relazione tra i due non è mai stata sempre d’amore e d’accordo, come accade nelle migliori coppie, Gates ha saputo trovare in Allen la sua anima gemella nel business.

4. Crede in sé più di ogni altra cosa
In un suo recente discorso Gates ha ricordato come agli inizi dell’azienda nessuno credeva che i chip di un personal computer sarebbero diventati così potenti da essere inseriti in strumenti adatti a ogni casa e scrivania.

Racconta che tutti gli dicevano che stava sbagliando. Tuttavia, ha preferito ascoltare solo se stesso e ha lanciato Microsoft. Il resto della storia la conosciamo. Insomma, è importante ascoltare i consigli e le opinioni degli altri, ma se vuoi una carriera come Gates, devi innanzitutto, credere in te stesso.
5. Vincere l’ansia dei soldi
Sembra un paradosso oggi, ma anche Gates ha avuto paura che la sua azienda non riuscisse a pagare i suoi dipendenti. «L’obiettivo ogni anno era di accumulare abbastanza soldi da poter vivere quello successivo, pagare le utenze, fornitori e dipendenti, anche senza avere nessuna entrata» spiegava Gates in un’intervista bel 1998. Una strategia che pare lo abbia aiutato a vincere l’ansia della mancanza dei soldi.

6. Se una cosa non funziona, non funziona
«Sono stato bocciato in alcuni esami, mentre i miei più cari amici sono passati tutti. Ora loro sono ingegneri di Microsoft e io il capo» è una delle frasi più celebri di Gates che di fallimenti ne ha incontrati durante la sua vita. Basterà su tutti ricordare Windows Vista. Gates, tuttavia, ha saputo imparare dai fallimenti e la sua leadership si fonda proprio sulla sua capacità di riconoscere gli errori: “Mi sa che questa cosa non funzionerà” è la frase tipica che molti dipendenti e manager si sono sentiti dire. E pare che quasi sempre avesse ragione lui. Nella foto quando è stato arrestato perché guidava senza patente e non aveva rispettato un semaforo rosso.

7. Dorme almeno sette ore al giorno

Forse non dorme più sui pavimenti come da giovane, ma avvolto in comode lenzuola, ma pare che il sonno sia una componente che rientra spesso nella sua carriera. Sette ore al giorno sarebbero per lui un giusto compromesso per mantenere il proprio corpo in forma e la mente creativa.

8. Elogio alla lentezza
Nonostante lavori in un settore come il tech che corre più veloce di altri, Gates ama eseguire un compito alla volta, rifuggendo dalla tentazione del multitasking: «Più ti concentri su un compito, più lavorerai meglio e il tuo lavoro sarà efficace» spiega.

Quale di queste abitudini condividi con il papà di Microsoft?07

fonte SmartMoney/StartUpItalia

LASCIA UN COMMENTO