mercoledì 21 novembre 2018
Ballottaggi 2018, Toscana rossa addio: Pisa, Siena e Massa al centrodestra. Avellino...

Ballottaggi 2018, Toscana rossa addio: Pisa, Siena e Massa al centrodestra. Avellino e Imola al M5s. A Terni vince la Lega

Il centrosinistra crolla nella regione storicamente fedele. Tracollo anche a Ivrea e nella città romagnola. Il Pd tiene il sindaco ad Ancona, Brindisi, Teramo. Scajola vince a Imperia e Cateno De Luca a Messina. I 5 Stelle perdono Ragusa. Salvini: “Più la sinistra insulta, più i cittadini ci premiano”. Di Maio: “Abbiamo vinto in due città dove da 70 anni dominavano i partiti e gli uomini della Prima Repubblica”.

Il centrodestra, trainato dai comizi di Matteo Salvini, si prende le roccaforti di sinistra di Siena, Pisa e Massa. I 5 stelle vincono adAvellino e Imola, ma perdono Ragusa. A Terni vince la Lega senza difficoltà contro gli alleati di governo grillini. Il centrosinistra ce la fa solo ad Ancona, Brindisi, Teramo e Siracusa. Ma è il grande sconfitto nella Toscana rossa che, ora lo si può dire ufficialmente, non esiste più. I ballottaggi della amministrative che meno sembrano aver interessato gli elettori (l’affluenza è crollata di tredici punti rispetto al primo turno, fermandosi al 47 per cento), lanciano segnali ai partiti tradizionali a meno di un mese dall’insediamento del governo Conte.

“Paghiamo il vento nazionale”, ha detto il candidato democratico a Pisa Andrea Serfogli ammettendo la sconfitta. E il vento nazionale è quello di un centrosinistra che in Toscana si trova a dover salutare tre centri simbolo del potere. La profezia che si è avverata l’aveva lanciata Salvini in uno dei tanti comizi nella regione: “Spazziamo via 50 anni di governo della sinistra”, aveva detto. Così è successo. E pure a Imola, dove da 7o anni non si vedeva un primo cittadino che non fosse esponente della sinistra e dove da domani si insedierà l’ex consigliera comunale 5 stelle Manuela Sangiorgi. Situazione simile a Ivrea, città di Adriano Olivetti, e che per la prima volta dal dopoguerra sarà amministrata dal centrodestra.

I grillini, oltre a Imola, festeggiano ad Avellino, dove però non avranno la maggioranza in consiglio comunale (al primo turno la lista dell’avversario ha preso più del 50 per cento dei voti). Poi ce la fanno a Pomezia con il candidato Adriano Zuccalà e in Sardegna ad Assemini. Perdono a Ragusa, dopo aver amministrato per 5 anni: Antonio Tringali è stato sconfitto da Giuseppe Cassì, ex giocatore di basket, appoggiato da liste civiche e da FdI, che ha capovolto il risultato del primo turno.

Messina, dove dal 2013 governava Renato Accorinti a capo di una lista civica, vince Cateno De Luca. Lui esponente Udc, ha battuto il candidato del centrodestra dopo una campagna elettorale a colpi di querele e accuse incrociate. De Luca del resto era diventato famoso nel novembre scorso quando era stato arrestato due giorni dopo l’elezione al consiglio regionale per evasione fiscale. “I cittadini hanno detto basta a questo sistema di potere”, ha dichiarato. Ha vinto a Imperia in Liguria un altro che si professava outsider: Claudio Scajola, ex ministro del governo Berlusconi. Lui, che è imputato nel processo Matacena, ha deciso di scendere in campo con una lista civica e sfidare il candidato indicato dal forzista Giovanni Toti: “Ho vinto contro tutti”, il suo motto.

Ora la parola passa alla politica nazionale. E se gli sconfitti tacciono e dovranno fare i conti con l’ennesima batosta, i leader di maggioranza fanno a gara a chi interviene per primo. Il primo a parlare è stato infatti Salvini: “Storiche vittorie della Lega“, ha scritto su Twitter. “Più la sinistra insulta, più i cittadini ci premiano. Prima gli italiani, io non mi fermo”. Gli va dietro anche il leader M5s, che festeggia i risultati di Imola e Avellino: “Sono risultati straordinari”, ha postato su Facebook, “in due città dove da 70 anni dominavano i partiti e gli uomini della Prima Repubblica: a Imola il PCI e poi i partiti del centrosinistra, ad Avellino la Dc”.

Pisa – La sinistra, e il Pd in particolare, non ce la fanno a Pisa dove segnano una delle sconfitte più significative. Il candidato Andrea Serforgli, poco dopo mezzanotte, in diretta sull’emittente Tv pisana 50Canale, ha riconosciuto la vittoria dell’avversario Michele Conti: “Paghiamo il vento nazionale – ha detto – ma rendo merito a Conti e possiamo considerarlo il nuovo sindaco di Pisa”. Il candidato democratico era sostenuto anche da sei liste civiche, tre delle quali hanno deciso di sostenerlo al secondo turno con l’apparentamento. Il candidato di centrodestra aveva invece il sostegno di Lega, Forza Italia Fratelli d’Italia, ma ha incassato apertamente per il secondo turno, anche senza apparentamento formale, il sostegno di una lista civica che al primo turno aveva raccolto il 6,6 % dei voti. Prima del turno di ballottaggio i due candidati erano separati da una manciata di voti: 13.795 (ovvero il 33,36%) per Conti in vantaggio rispetto a Serfogli che il 10 giugno aveva raccolto 13.338 (il 32,26%).

Siena – La città dello scandalo Monte Paschi di Siena, ma anche la città dove i 5 stelle non sono riusciti a trovare un candidato da far correre alle elezioni comunali, viene conquistata dalla destra. Luigi De Mossi ha infatti battuto il sindaco uscente Pd Bruno Valentini. “Sono ancora sotto l’effetto di questa notizia”, ha commentato De Mossi. “E’ come nel Palio dove conta arrivare primi. Una vittoria storica, abbiamo cambiato la storia di questa città. Il mio gruppo, il gruppo di persone che mi ha appoggiato, ha questo merito. Non abbiamo voluto fare apparentamenti, mantenendo la nostra coalizione tutta unita e questo ci ha consentito di dialogare con tutti”. A favore di De Mossi potrebbe aver giocato, sia la scelta degli elettori dei 5 stelle di dare fiducia “al cambiamento, ma anche la decisione di non apparentarsi con altre liste civiche. Valentini aveva invece ottenuto l’endorsement di un altro ex amministratore di sinistra, Piccinini, anche lui in corsa al primo turno con una lista personale. Non è bastato ad evitare il crollo.

Massa – La terza roccaforte rossa che crolla in Toscana è Massa. La cittadina vede la vittoria del candidato del centrodestra Francesco Persiani sul sindaco uscente Alessandro Volpe.

Avellino – Il 5 stelle Vincenzo Ciampi (M5S) è il nuovo sindaco di Avellino. A conclusione dello scrutinio del turno di ballottaggio – che ha registrato un forte calo nell’affluenza – il candidato del M5s ha ottenuto il 59,5%, pari a 13.694 voti, battendo Nello Pizza, candidato della coalizione di centrosinistra, che si è fermato al 40,4%, pari a 9.307 voti. Avellinese, 50 anni, funzionario dell’Agenzia delle Entrare, attivista storico del Movimento, Ciampi al primo turno si era attestato sul 20,2% rispetto al 42,9% di Pizza le cui liste a sostegno avevano ottenuto il 53% dei voti, conquistando la maggioranza: 18 seggi su 32. La vittoria di Ciampi, che nel secondo turno si è giovato del sostegno ufficioso di due liste civiche e del candidato sindaco del centrodestra, usciti al primo turno, fa conquistare un nuovo seggio al M5s, 6 in totale, e un seggio a Forza Italia. “Nessuna rivincita – ha detto il neo sindaco, in riferimento al fatto di non avere comunque una maggioranza consiliare – ma l’impegno a mettere a disposizione della città la responsabilità di ogni singolo consigliere comunale”. Ciampi ha anche annunciato che nominerà “una giunta di alto profilo tecnico” e che intende procedere “trovando la maggioranza sui singoli problemi”. Il dato sull’affluenza nel ballottaggio è stato del 50,3%, -20,9% rispetto al primo turno quando la percentuale del 71,2.

Messina – Cateno De Luca (Udc) ha battuto il candidato del centrodestra Dino Bramanti. “E’ una grande vittoria contro la casta, le consorterie e le lobby politiche che hanno governato la città negli ultimi 30 anni”, ha detto. “È stata una vittoria dei cittadini che hanno detto basta a questo sistema di potere che ha messo in ginocchio Messina, inizia ora una nuova stagione politico amministrativa”. De Luca ha conquistato notorietà nazionale nel novembre scorso quando è stato arrestato due giorni dopo l’elezione al consiglio regionale per evasione fiscale. Tornato libero dopo la revoca dei domiciliari, si è fatto immortalare mentre suonava la zampogna all’Assemblea regionale siciliana.

Imperia – L’ex ministro Claudio Scajola è il nuovo sindaco di Imperia. Ha battuto così, alla guida di una lista civica, il candidato di centrodestra Luca Lanteri, nome indicato dal governatore Giovanni Toti. Questa rappresenta per il governatore Toti la prima sconfitta, in un capoluogo di provincia ligure da quando nel maggio del 2015 è stato eletto governatore.

Anagni – Centrodestra vincente anche ad Anagni: Daniele Natalia (FdI-Lega-FI) blocca le ambizioni di Casapound che candidava Daniele Tasca.

Ivrea – “Purtroppo in questo periodo è difficile fare politica: abbiamo perso contro i populismi”. Con queste parole ha ammesso la sconfitta Maurizio Perinetti, candidato sindaco del centrosinistra a Ivrea. “Se avessimo fatto qualche apparentamento, forse avremmo vinto, ma non saremmo stati coerenti con i nostri elettori. Usciamo quindi da questa contesta elettorale a testa alta, con la convinzione di avere mantenuto il nostro stile”. A Ivrea, la città di Adriano Olivetti, la sinistra amministrava ininterrottamente dal Dopoguerra. Ha vinto l’avversario Stefano Sertoli: “E’ una giornata storica”, ha detto.

Ragusa – Il M5s perde il comune di Ragusa, amministrato negli ultimi cinque anni. Il candidato Guseppe Cassì, sostenuto da liste civiche e da FdI ha battuto Antonio Tringali del M5s. Le prime parole di Cassì: “Ho registrato subito interesse sulla mia candidatura, nonostante siamo partiti in ritardo e il risultato mi riempie d’orgoglio e di emozione. Che vita sarebbe senza emozioni”.

Brindisi – Nell’unico capoluogo di provincia a questo ballottaggio in Puglia, ha vinto il candidato di centrosinistra Riccardo Rossi. Ed è stato ribaltato il risultato del primo turno che vedevano favorito Roberto Cavalera del centrodestra. Brindisi era uno dei comuni guidati dal Commissario straordinario. L’affluenza alle urne è stata di 40,67% (molto più bassa rispetto al finale del primo turno, 60,73%) contro il 41,46 per cento dell’ultima tornata elettorale che risale al giugno 2016 e che si concluse al ballottaggio con l’elezione di una sindaca esponente di forze centriste, Angela Carluccio, poi sfiduciata l’anno successivo. La Lega che, al primo turno, era scesa in campo con un proprio candidato, Massimo Ciullo (18,45%), supportato anche da Fratelli d’Italia, aveva dichiarato apertamente nei 15 giorni antecedenti al ballottaggio di non dare supporto al candidato di centrodestra. Non si è esposto il M5s, che ha appoggiato Gianluca Serra (21,33%). C’era un quinto aspirante sindaco, Ferruccio Di Noi (2,04%).

Ancona – Qui, unico capoluogo di regione in Italia andato al ballottaggio, la sindaca uscente del Pd Valeria Mancinelli ha distanziato nettamente il candidato civico Stefano Tombolini, sostenuto dal centrodestra e ha ottenuto la riconferma. Il dato choc del voto di Ancona, che si riconferma roccaforte ‘rossa’, è il crollo dell’affluenza: su oltre 80 mila aventi diritto, sono andati alle urne 34.378, il 42,68%. Ad Ancona – ha detto parlando con giornalisti Mancinelli – “Il Pd tiene perché ha fatto quello che deve fare la politica, non pensare a se stessa. La gente ha avuto l’impressione di una politica utile”.

Sondrio – Marco Scaramellini con 60,45% dei consensi è il nuovo sindaco di Sondrio, eletto nel centrodestra. “Un divario sensibile – ha dichiarato a caldo Scaramellini – un successo per tutta la squadra. Ora ci metteremo subito al lavoro”.

Sarzana – Per la prima volta nella storia repubblicana vince il centrodestra. Ha vinto l’avvocato Cristina Ponzenelli, 42 anni, indicata dalla maggioranza che amministra la Regione Liguria, il cosiddetto Modello Toti (FI, Lega, FdI, centristi). E’ anche la prima donna sindaco della città della Val di Magra. Ha così battuto il sindaco uscente Alessio Cavarra: “E’ la notte”, ha detto, “in cui sono cadute tutte le barriere ci hanno diviso. Sarò l’ultima dei sarzanesi. Prima di me venite tutti voi. Il cambiamento era nell’area, mi aspettavo una affermazione così ampia”.

Roma, 25 giugno 2018

LASCIA UN COMMENTO