Apple rimuove le app popolari in Iran

Decisione imposta dall’embargo che vieta rapporti commerciali

Apple sta togliendo dal suo negozio di applicazioni alcune app popolari in Iran. La causa, ha spiegato la compagnia agli sviluppatori, sono le sanzioni imposte dagli Stati Uniti, che vietano i rapporti commerciali con il Paese mediorientale.
L’ultima applicazione ad essere bandita dall’App Store, riporta il New York Times, è Snapp, una app di trasporto simile a Uber e molto gettonata in Iran, dove l’iPhone non può essere venduto nei canali legali. Nelle scorse settimane la stessa sorte è toccata ad altre app di diverse categorie, dallo shopping alle consegne di cibo a domicilio.
In un messaggio agli sviluppatori iraniani, Apple ha spiegato che “secondo le norme sulle sanzioni statunitensi, l’App Store non può ospitare, distribuire o fare affari con applicazioni o sviluppatori collegati a determinati Paesi interessati da embargo Usa”. (ANSA).

Roma, 27 agosto 2017

LASCIA UN COMMENTO